Specie Evoluta

Ricevo una mail da un amico con un link ad un filmato.
Mi avvisa dicendomi che si tratta di “una cosa molto brutta”. Confesso che non capisco perché e clicco sul link.

Non voglio descrivere cosa ho visto. Ho resistito forse un minuto e poi ho chiuso la finestra. Non vi dico perché, se avete uno stomaco forte, sperimentatelo da soli.
Faccio solo due riflessioni.
Mio padre negli ultimi anni della sua vita era solito ripetere che il genere umano è un esperimento di Dio mal riuscito. Vedere queste immagini mi ha fatto pensare proprio questo. Ci chiamiamo “specie evoluta”, vorrei capire dov’è l’evoluzione? Dove ci siamo evoluti?
L’essere umano può non agire per bisogno ma per il potere, il denaro, la prevaricazione, l’apparenza; un agire senza riguardo alla persona, agli altri esseri viventi, alle cose. Idola che appartengono solo e unicamente alla nostra specie.
La seconda riflessione è sulla comunicazione: è giusto usare immagini vere, forti, crude per lanciare un messaggio? per stimolare l’assunzione di comportamenti consapevoli?
Tenere un giusto equilibrio tra un approccio non drammatico, ma neanche troppo superficiale o leggero credo che sia un esercizio di stile. Pensiamo alla differenza tra la comunicazione sociale italiana e quella anglosassone. Edulcorare o schockare? Oliviero Toscani ha ragione?

Se siete consapevoli di poter reggere la visione di immagini forti, allora guardate questo video.
Se interromperete la visione, vi chiedo di tenere memoria di quanto tempo avete resistito e di scriverlo commentando questo post.

Esplora

Italian & Inglese?

Sono sicura che alcuni si chiederanno perché nei testi di questo sito ho mescolato Inglese e Italiano. “Non potevi scrivere tutto in

Vulnerabilità

Sono colpita da quanto è accaduto in Sardegna e da ciò che sta accadendo in altre parti del paese. E proprio in

Hashtag Obituary?

Oggi su La Repubblica leggo questo articolo: Facebook introduce gli hashtag ma il cancelletto ha i giorni contati. Brutti, inopportuni, criptici e

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* La casella di controllo GDPR è richiesta

*

Acconsento