#social-decuius-network

Quasi un anno fa. Discussione al circolino del mio paese. Ora canonica: quella dell’aperitivo prima del pranzo domenicale. L’argomento: Facebook e il suo inventore. La mia tesi: che Facebook sia  una sorta di consenso alla violazione della privacy e in cambio, relazioni comode, che non implicano un grosso impegno, risolte con un “mi piace” o con un bel “poke”. Basso investimento/massimo rendimento….

Ma non solo le relazioni forse anche le relazioni oltre la vita. Immaginiamo di configurare in modo automatico il flusso tra i nostri social network. E così indipendentemente da noi, dalla nostra volontà o dalla nostra esistenza, i nostri profili social saranno sempre un po’ aggiornati. Certo le risposte non saranno calde e la nostra partecipazione non sarà “in real time”, ma ci sarà con la freddezza di chi forse è impegnato a fare altro.

E allora sì avremo conquistato la vita eterna. Non quella reale e nemmeno quella vera.

 

 

Esplora

Italian & Inglese?

Sono sicura che alcuni si chiederanno perché nei testi di questo sito ho mescolato Inglese e Italiano. “Non potevi scrivere tutto in

Vulnerabilità

Sono colpita da quanto è accaduto in Sardegna e da ciò che sta accadendo in altre parti del paese. E proprio in

Hashtag Obituary?

Oggi su La Repubblica leggo questo articolo: Facebook introduce gli hashtag ma il cancelletto ha i giorni contati. Brutti, inopportuni, criptici e

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* La casella di controllo GDPR è richiesta

*

Acconsento