Crisis Camp Italy

Sono in ritardissimo per scrivere questo post.

Dopo il 19 novembre, giorno in cui si è tenuto il primo crisis camp italiano, il tempo ha subito un’accelerazione.

E’ vero chi ha un blog ha il dovere di essere più puntuale. Io non lo sono stata.

Rimando al sito http://crisiscampitaly.wordpress.com/ per i dettagli.

Qui voglio ringraziare tutti coloro che hanno partecipato e che sono intervenuti, e tutti coloro che hanno scritto e hanno contribuito a promuovere questa iniziativa.
Un personale ringraziamento a Marco Boscolo e Francesco Ciriaci [bravi!!!], FormicaBlu, TagBoLab, UrbanCenterBologna e Reflab.

Le proposte emerse:
– dotare elicotteri con le telecamere (leggi: ortofoto ad ogni elisoccorso?) [grazie Maurizio Napolitano]
– un osservatorio permanente dei progetti innovativi sviluppati in Italia
– linee guida sui social media per la gestione delle emergenze da dare alla funzione mass-media e informazione della Protezione Civile.

 

Dopo quasi un mese vorrei invitare tutti a proseguire questo piccolo percorso iniziato bene e che ha riscosso interesse.

Ce n’est qu’un début….

Esplora

Italian & Inglese?

Sono sicura che alcuni si chiederanno perché nei testi di questo sito ho mescolato Inglese e Italiano. “Non potevi scrivere tutto in

Vulnerabilità

Sono colpita da quanto è accaduto in Sardegna e da ciò che sta accadendo in altre parti del paese. E proprio in

Hashtag Obituary?

Oggi su La Repubblica leggo questo articolo: Facebook introduce gli hashtag ma il cancelletto ha i giorni contati. Brutti, inopportuni, criptici e

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* La casella di controllo GDPR è richiesta

*

Acconsento